Cianciana aderisce al progetto “Accoglienza Sud, case per i profughi”

Profughi LampedusaAccoglienza Sud: case per i profughi, al posto delle tendopoli. La Sicilia, l’agrigentino per precisione, ha deciso di offrire il patrimonio immobiliare in disuso ai profughi in arrivo da Lampedusa. Un’idea dei sindaci di Bivona, Cianciana, Santo Stefano Quisquina, San Biagio Platani e Alessandra Della Rocca, 20 mila abitanti in tutto, che hanno firmato un progetto per aprire ai migranti in arrivo da Lampedusa i loro borghi, i loro centri storici, le loro case. A un patto però: per un periodo transitorio e in cambio di lavoro.

Il progetto sarà presentato al Governo la prossima settimana. «Un tetto per i disperati, è la soglia minima per la carità cristiana», ha spiegato Giovanni Panepinto, primo cittadino di Bivona e promotore del progetto, «Abbiamo case sfitte e bellissimi borghi», ha spiegato Giovanni Panepinto, primo cittadino di Bivona. «Con un aiuto del governo possiamo dare una mano al Paese e all’Africa. In cambio però chiediamo un contributo lavorativo, anche mezza giornata nelle nostre aziende. Niente bivacchi, insomma, così non facciamo sentire inutili loro e rassicuriamo tutti».

Fonte www.lettera43.it

One thought on “Cianciana aderisce al progetto “Accoglienza Sud, case per i profughi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.